Come fare un orto sinergico

Come fare un orto sinergico

Fare un orto sinergico non è una cosa complicata. A differenza degli orti tradizionali, che richiedono molte energie, per fare un orto sinergico il lavoro di zappa serve infatti solamente nella fase iniziale, quando la terra deve essere smossa per preparare i bancali.

A quel punto il più è fatto. Dopo aver istallato un timer nell’impianto di irrigazione a goccia, l’unica cosa che si dovrà curare è una manutenzione standard che va dal diserbo manuale delle erbacce alla cura delle piante.

 

Cosa occorre per fare un orto sinergico

Per iniziare a fare un orto sinergico servono alcuni strumenti da giardino come zappa, pala e rastrello, necessari a smuovere lo strato superficiale della terra e a togliere le erbacce per preparare lo spazio ai bancali.

Serve poi il necessario per creare un impianto di irrigazione a goccia: non ricordatevi solamente dei tubi ma anche di tutti i raccordi del caso. Se volete potete dotarvi anche di un timer in modo da non avere la preoccupazione di aprire e chiudere il rubinetto ogni giorno.

Quindi non dimenticatevi il materiale per la pacciamatura: solitamente per fare un orto sinergico viene usata la paglia, che potete chiedere a qualche centro di equitazione, così come dello sterco di cavallo secco, ottimo per concimare la terra.

Per finire, alcuni cartoni vi serviranno a coprire il perimetro esterno del bancale: questa superficie è utile a non sporcarsi le scarpe di terra quando piove, ma anche a creare una barriera di contenimento per le erbe infestanti del giardino.

 

 

Fare un orto sinergico

Zappare la terra dove andrà il bancale, da un metro a un metro e mezzo di larghezza. Smuovere il suolo con la pala per far affiorare le erbacce presenti e toglierle a mano con l’aiuto di un rastrello.

Una volta liberata la terra, accumularla nella parte centrale con una pala. I lati del bancale possono essere alti da un minimo di 20-25 cm. a un massimo di 40-50 cm.

Quando la terra del bancale è ben compattata si possono posare i tubi dell’irrigazione a goccia ad anello, avendo cura di fissarli al suolo con dei bastoncini o del fil di ferro.

A questo punto basta ricoprire la terra con la paglia e i passeggi laterali con i cartoni, e iniziare a pensare alle consociazioni migliori per il nostro orto sinergico.